Skip to content Skip to footer

Domenica 26 settembre si è tenuta la Padova Marathon, finalmente di nuovo “in presenza” dopo l’edizione forzatamente virtuale del 2020.

Gli ambasciatori di Linfa, Andrea Rizzi, Filippo Guiotto e Luca Ferrigioni, hanno corso con gambe e cuore la 21 km raccogliendo sulla pagina del portale “Rete del Dono” ben 530 Euro che verranno utilizzati per il progetto “Un’esperienza che cambia la vita“, camp estivo che Linfa e Ananas organizzano insieme dedicato ai ragazzi con Neurofibromatosi di tipo 1 e 2.

Pensate che Andrea Rizzi, il giorno precedente alla Padova Marathon, ha partecipato alla Delicious Trail Dolomiti: è partito dal Campanile di Cortina d’Ampezzo per arrivare in cima al Nuvolau, quota 2.647, con rifugio omonimo… uno spettacolo contemplato dai maratoneti che si sono rimessi in forza mangiando canederli e pezzetti di cioccolato offerti ai partecipanti.
Andrea, per arrivarci, inizialmente ha corso verso il suggestivo lago d’Ajai e il “Ra Gores de Federa”, il nuovo sentiero che attraversa l’incontaminata foresta tra dolci salite e lievi discese, ha costeggiato cascate, gole e rivoli d’acqua.
Salendo, ha transitato per il museo all’aperto della Grande Guerra, tra trincee, gallerie, è passato per gli eccezionali Nuvolai, il Lagazuoi, e le Cinque Torri.
Bravo Andrea, la tua forza e determinazione ha sorpreso tutti!

E noi di Linfa Neurofibromatosi e Ananas Aps Neurofibromatosi non possiamo che esprimere il nostro più sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito sostenendo il progetto con la loro corsa o con una donazione.

Ricordiamo che la raccolta non si è ancora conclusa: potete continuare la vostra “corsa di solidarietà” donando su https://bit.ly/3AOqWsO fino al 28 Ottobre 2021 perché “Correre solidale vince sempre!”.

Tornando alla Padova Marathon, vi riportiamo una curiosità: alla 21 km ha partecipato anche Giovanna Epis, la portacolori dei Carabinieri. È stata la prima gara a cui ha partecipato dopo i Giochi Olimpici di Tokyo chiudendo al terzo posto in 1h12’37”.

Non era invece “agonistica” la Stracittadina di 5 chilometri, ma è stata davvero un successo di partecipazione, tanto più se si considera che si è svolta anch’essa in pieno rispetto delle normative anti-Covid, con controllo del Green Pass dei partecipanti.

“È stata una festa”, ha affermato alla fine Leopoldo Destro, Presidente di Assindustria Sport, società organizzatrice “e si è svolta in tutta sicurezza. È l’edizione della ripartenza e Padova ha risposto presente assieme a tutto il suo territorio. Ora l’auspicio è quello di ritrovarsi il 24 aprile 2022, collocazione originaria del nostro evento, tornando a proporre la prova da 42 chilometri”. A proposito di numeri: erano 1.500 gli iscritti alla mezza maratona, 500 i partecipanti alla 10km Rise and Run e 2.500 quelli della Stracittadina: in tutto, quindi, circa 4.500 le persone che hanno indossato pantaloncini e t-shirt per tornare a correre.